cerca  
Arco

S. Maria di Piazza

Negli antichi documenti la chiesa e' detta S. Maria de Serra, od anche della Fonte, perche' in origine era situata nella parte piu' bassa della piazza a sinistra della fontana. Gli statuti la chiamano in rotis della Valle (I, 2). Nel '500 pagava tre lire di decima. Fu distrutta da una frana del monte sovrastante, come dice la lapide posta sulla facciata a destra: DEIPARAE / PATRONAE SVAE / QUOD MONS PROXIMVS CASV PRAECIPITI / DEIECERAT / SERRA FIDELIS COMMVNI STVDIO / TRANSTVLIT EREXIT RESTITVIT / AN. VN. IVB. MDCCLXXV (1). Ricostruita dov'e' ora nel 1775 e' comunemente detta S. Maria di Piazza. La precedente ricostruzione esercitava nel 1572 le funzioni parrocchiali durante i restauri della chiesa vecchia di S. Clemente ed il visitatore apostolico De Lunel ebbe non poche rimostranze da fare sulla tenuta dei registri e delle suppellettile sacra che vi si custodivano. Vi aveva sede la Confraternita del Rosario mentre la Compagnia della Misericordia aveva recapito in una casa privata con un solo letto per i pellegrini (1581 - 82). Vi si celebrava ogni prima Domenica del mese e nelle feste della Madonna. L'attuale costruzione prospiciente la bellissima ampia piazza con sullo sfondo, a monte, il castello, ha una facciata a due ordini e quattro paraste per ciascuno. A destra del portale e' la lapide ricordata, sopra la porta quella dedicata ai 46 caduti della prima guerra mondiale (20 settembre 1920) e, a sinistra, ai 14 caduti della seconda guerra mondiale ( 4 novembre 1951). Nell'alto del timpano l'orologio pubblico. Semplice ed elegante il campanile. La chiesa e' stata restaurata dall'anno 1968. L'interno, ad unica navata (m. 14.78x7.40) ed abside semicircolare, scandite da lesene con capitelli a foglie d'acanto e stilobati modanati, fu ornato a spese del sacerdote serrano Fabio Massi. Sul fondo dell'abside e' una grande tela con la Vergine Assunta fra i santi e al disopra l'Eterno con due angeli. Sulla parete sinistra e' la Cappella del Rosario, fondata dal sacerdote Giovanni Amori, con sull'altare una tela rappresentante la Vergine col Bambino e i SS. Domenico e Caterina. Tutt'intorno i misteri del Rosario. Sul lato opposto e' la cappella giuspatronato della famiglia Olivieri con dipinto su tela il Transito di S. Giuseppe . I tre dipinti della chiesa sono attribuiti da A. Bittarelli al pittore Luigi Valeri (Iesi 1701- Camerino 1775?). La lapide posta nel 1860 sopra la porta che dal fianco destro della chiesa da' all'esterno ricorda Teresa Olivieri marchesa Zucconi di Camerino, la quale eresse un beneficio, di cui fu primo rettore Mariano Mancini, e lascio' un legato per dotare ogni anno le ragazze del paese che andavano spose (2).

(1) Serrapetrona , fedele alla Madre di Dio sua protettrice, per volonta' di tutto il popolo l'anno del giubileo universale 1775 trasferi', eresse e ricostrui' il tempio che la frana del monte imminente aveva distrutto.

(2) HONORI ET MEMORIAE / THERESIAE DE MARCHIONIBVS ZUCCONI / PATRICIA EX GENTE OLIVIERIA / DOMO CAMERINO / INTEGRITATE EGENTIVM SVBSIDIO MVNIFICA RELIGIONE / IN EXEMPLVM LARGE ELVCENTIS / QVAE HAC IN AEDE B. MARIAE VIRGINIS / PVBLICAE VTILITATI BENFICIVM EREXIT / PVELLSQVE HVIVSCE OPPIDI / QVOTANNIS DOTANDIS / CENSVM RELIQVIT / MARIANVS MANCINIVS PRIMVS BENEFICII RECTOR / ET SERRAPETRONENSES VNANIMES / PERGRATI ANIMI ERGO / MATRONAE BENEMERENTI DESIDERATISSIMAE / TITVLVM / CVM LACRYMIS / POSVIMVS / ANNO REPARATAE SALVTIS MDCCCLX.


© 2021 TUTTOSerrapetrona.it - P.I. 01373770435 | Privacy Policy | Informativa Privacy | Facebook
Top